Etica Teatrale

Appunti da una lezione di Giovanni Locatelli  Si parla di etica teatrale tenendo in considerazione l’ultimo periodo di Stanislavskij, quando si chiede: cosa centra l’uomo con il teatro? Nel teatro la componente umana è sempre presente e ricercata. Diceva Lorenz: “Noi siamo l’anello di congiunzione tra l’antropologo e l’uomo”. Il teatro è un’operazione che appartiene all’essere umano in quanto tale. … Continua a leggere

La rivoluzione Teatrale, di V. Meyerhold

Vi propongo un testo di un regista russo realizzato nel primo decennio del novecento. Una raccolta di saggi sul teatro. Saggi che vogliono spazzare via i metodi del teatro contemporaneo a Meyerhold e che purtroppo è ancora attuale: il naturalismo. Le teorie di Meyerhold e la sua pratica troppo spesso dimenticata e puntualmente banalizzata e distorta, è una parte fondamentale … Continua a leggere

La valigia dell’attore

Qualche anno fa – non importa quando esattamente -avendo poco o nulla in tasca e niente in particolare che riuscisse a interessarmi a terra, pensai di andarmene un po’ per mare Herman Melville – Moby Dick, 1851 Dunque, per il viaggio basta solo una valigia… Due click e un cigolio e tutto ciò che la valigia contiene con difficoltà scoppia … Continua a leggere

Provino

Provino al teatro Caboto a Milano 25.10.2007, data memorabile. Fare un provino, secondo le mie esperienze, indipendentemente dall’esito, può essere molto utile e fonte di nuove esperienze, anche altrui, da memorizzare dentro noi stessi per imparare a fare sempre di meglio. Insomma capire cosa non vi piace del provino degli altri aiuta noi stessi a per capire cosa non fare, a nostra volta, … Continua a leggere

Il lavoro dell’attore sul personaggio – Stanislavskij

è una raccolta di studi critici ed appunti raccolti da Konstantin Sergeevič Stanislavskij pubblicata postuma nel 1957. Il testo rappresenta un approfondimento del primo lavoro, Il lavoro dell’attore su sé stesso, che è complementare per uno studio dell’arte della recitazione e della messa in scena. Stanislavskij affrontò dapprima il problema della preparazione dell’attore, per poi concentrarsi sul lavoro di quest’ultimo … Continua a leggere

Il lavoro dell’attore su se stesso – Stanislavskij

Il lavoro dell’attore su sé stesso viene scritto sotto forma di diario di un immaginario attore, Kostantin Nasvanov, che frequenta la scuola di teatro del regista Arkadij Nicolaevic Torcov dove egli apprende, durante i due anni di corso, le varie fasi del metodo.  Il libro si divide in due parti; nella prima parte spiega il metodo per attuare i sentimenti … Continua a leggere

La forma

“Appunti da una lezione di Giovanni L.”  Per l’attore, la ricerca della forma non è mai fine a se stessa. Si hanno delle cose da raccontare e si deve farle al meglio, perchè così il pubblico le può capire e può partecipare. Non interessa a nessuno “quanto 6 bravo” ma piuttosto “Quanto è bella la cosa che stai facendo”.  La ricerca della … Continua a leggere

Si parte…

Ciao a tutti! Mi presento… Io sono Lucia! Come mai questo sito? Perchè il Teatro mi ha cambiato la vita e… da allora ho deciso di dedicarla ad Esso! Sono “matta”…? Si, forse… Ieri sera ho iniziato il mio ultimo anno nella mia scuola di teatro, da un lato cerca di avvicinarmisi la tristezza e la nostalgia, dall’altro la fatica che dovrò fare … Continua a leggere